3899110036 - 3516847233 - 041445060 info@agency-casa.it
bonus casa 2020

Il bonus casa 2020 è stato riconfermato fino al 2023.

Fumata nera invece per il Superbonus 110% che sembra non trovare risorse adeguate per una sua riconferma oltre il 2021. Il Governo Italiano ha confermato il mantenimento degli incentivi già in essere anche per il biennio 2021-2023, aggiungendo a questi il bonus facciate e inaspettatamente il bonus giardini. La riconferma del superbonus 110% dipende dalla capacità del Governo di riperire risorse, in particolare esso sembra dipendere dallo stanziamento europeo a mezzo del Recovery Plan.

Bonus casa 2020 – 2021: tutte le detrazioni “classiche” già riconfermate

Abbiamo già avuto modo in passato di parlarvi di Bonus casa, ma questa volta ci sono delle importanti novità che riguardano tutti coloro che operano nel settore o, più semplicemente, che necessitano di ristrutturare un immobile.

Nella Manovra Finanziaria 2021 appena stilata sono stati inseriti i seguenti bonus fiscali: ecobonus, bonus ristrutturazioni, bonus mobili, bonus verde e il bonus facciate. Si potrà quindi continuare ad usufruire di agevolazioini per le attività di ristrutturazione anche nel prossimo biennio. Tra le riconferme, tuttavia, il grande assente al momento è il Superbonus 110%.

Vediamo quindi assieme quali sono i bonus confermati:

bonus casa 2020

Ecobonus 2021

Confermato fino al 31 dicembre 2021, l’ecobonus riguarda tutti gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, con particolare attenzione alla sostituzione di caldaie e sistemi vetusti, oltre che di infissi et similia.

Questa forma di incentivazione fiscale riconferma infatti:

  • detrazioni al 50% per interventi su infissi, biomassa e schermature solari;
  • detrazioni al 65% per le altre tipologie.

Questo virtuoso sistema incentivanete consente ai beneficiari di godere di detrazioni Irpef o Ires a seguito di interventi atti ad aumentare il livello di efficienza energetica degli edifici. 

Vediamo per cosa queste detrazioni sono riconosciute:

  • riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento;
  • miglioramento termico degli edifici – Coibentazioni, pavimenti, infissi e finestre;
  • installazione di pannelli solari o fotovltaici;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

Non solo. Questa detrazione spetta anche per l’acquisto e/o l’installazione/posa in opera di:

  • schermature solari;
  • impianti di climatizzazione invernale alimentati da biomasse combustibili;
  • impianti di domotica e gestione per il controllo a distanza degli impianti;
  • micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti;
  • generatori d’aria calda a condensazione;
  • apparecchi ibridi in pompa di calore e caldaia a condensazione. 

Per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali l’ecobonus è al 70-75%.

Interventi sulle singole unità abitativeInterventi sulle parti comuni di edifici condominiali
Interventi ammessi Manutenzione straordinaria, ordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, ricostruzione o ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, eliminazione delle barriere architettoniche; misure finalizzate a prevennire il rischio del compimento di atti illeciti, cablatura degli edifici e al contenimento dell’inquinamento acustico. Conseguimento di risparmio energetico e misure antisismiche, bonifica dell’amianto e opere volte a evitare infortuni domestici.manutenzione ordinaria, straordinaria; restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia
DetrazioneDetrazione del 50% con limite di € 96.000 per unità immobiliare. Detrazione massima € 48280 in 10 anni.
RegoleI pagamenti devono essere effettuati mediante bonifico bancario “parlante”. Per gli interventi di risparmio energetico è resa obbligatoria la comunicazione all’ENEA entro 90 gg. dal termine dei lavori.

Bonus ristrutturazioni 2021

Cofermata anche la detrazione Irpef al 50% di quelle spese che sono state sostenute a seguito di interventi per il recupero edilizio. Si tratta di un bonus noto anche con il nome di bonus casa o bonus ristrutturazioni che prevede detrazioni del 50% delle spese sostenute con tetto massimo detraibile pari a 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare.

Anche in questo caso vale la pena notare che in presenza di interventi su edifici ad uso promisquo la detrazione spettante è ridotta del 50%, cioè e pari a € 48.000.  

Bonus mobili 2021

Con questo incentivo Irpef al 50% si intende ristorare parzialmente le spese sostenute per arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Questo bonus riguarda SOLO l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, A nel caso di lavasciuga e forni, attivi ad inserirsi in contesti appena restaurati.

Bonus facciate 2021

Questa è una delle tanto attese riconferme, si tratta del bonus facciate con detrazione pari al 90% anche per il 2021. Sarà possibile beneficiare di una detrazione fiscale per le spese sostenute per la ristrutturazione delle facciate esterne degli edifici.

Bonus giardini o bonus verde 2021

Nessuno si aspettava che nella manovra finanziaria venisse riconfermao anche il bonus verde, la detrazione Irpef al 36% per le spese sostenute a seguito di opere di sistemazione del verde privato, delle coperture a verde e dei giardini pensili.

bonus casa 2020

Superbonus 110%: già sul viale del tramonto? Forse no.

Nelle tabelle della Manovra Finanziaria 2021 non vi è alcuna traccia di riconferma del Superbonus 110% per l’efficientamento e la ristrutturazioine del parco immobiliare italiano. Se le dichiarazioni del Governo avevano ben fatto sperare, nel documento programmatico di spesa NON vi è traccia alcuna di una possibile proroga al 2023.

Fumata nera, dunque, per il più atteso dei bonus che rimane in vigore per le spese sostenute dal 20 luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021. 

Il problema principale sembra essere quello delle coperture finanziarie, ovvero le risorse necessarie per prorogare una misura di tale portata.

Tuttavia le dichiarazinoi del Ministro allo Sviluppo eocnomico Stefano Patuanelli fanno ben sperare. A tal proposito, infatti, il Ministro ha affermato che il Superbonus :<<. E ha ache aggiunto che: >>:. Pare quindi che tutto sia demandato all’anno prossimo, in attesa che arrivino le risorse europee.

LINK UTILI:

Agenzia delle Entrate: Guida ai bonus fiscali